Ultima fermata Mugnano

Luce che cala. Ombre che si allungano tra le pieghe della piana. Dolci e docili curve panoramiche con Tevere in bellavista. Mugnano appare e scompare tra i rami degli alberi a bordo carreggiata, come in una striscia di fotogrammi fuori sincro. Torri, pareti di case a piombo sul precipizio e palazzi con loggioni e soffitti a cassettone. Che fai, non accosti?
Nel paese una solitudine epocale. Sono tutti fuggiti, lasciando a custodia delle mura i gatti. Ogni tanto qualche voce, stoviglie che sbattono, musica dalla radio o televisione. Le botteghe sono chiuse, anche se è lunedì. Peccato, perché c’è delizia nelle architetture, qualche accostamento ardito; terrazini bucati per far passare i tronchi del glicine. Scalette ovunque, portali rialzati; usci con stipiti svasati per far passare le botti del vino. La chiesa costruita sicuramente su un edificio precedente e ad esso riadattata. Una torre dal passato incognito e difficilmente intuibile. Sarebbe stato bello poter chiedere ed incontrare i superstiti dell’arca. Invero siamo rientrati così, in un tramonto ciclopico sulla Valle Tiberina, pieni di domande.
Un trittico a pochi passi dalla capitale. Un piccolo acquerello dai toni pastello.
g

, ,
Articolo precedente
Il cielo sopra Bomarzo
Articolo successivo
Vallo di Escher

Post correlati

Bosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.