Se vuoi vedere l’Atlantico della West Coast che batte e ruggisce sulle scogliere, ti devi mettere in macchina verso Bosa in un giorno di vento d’estate. La strada è disegnata sul profilo di costa come uno scarabocchio a carboncino su un cartoncino Fabriano. Una moltitudine di curve aeree che ti aprono panorami immensi e selvaggi quanto basta a farti sentire Jack Kerouac, con il capello spettinato d’ordinanza.

Più che altro, se vuoi vedere Bosa, devi stare attento forte alle indicazioni nelle vicinanze, perché rischi di essere scaraventato a Bosa Marina e non capirci nulla, ma soprattutto immaginare che il paese sia quello e rimanerci deluso a stronco. Lì c’è il Trenino Verde, per carità, che sonnecchia con l’occhio-fanale a mezz’aria sul suo binario di arrivo e la ferrovia ha sempre quel suo fascino di altre epopee; ma Bosa è ben altro. Il déjà vu con Carloforte te lo senti addosso: colori dappertutto, scalette, vicoli stretti, vecchi mestieri e profumo di cucina. Arrivi dal Ponte Vecchio sul Temo e la vista da lì sopra è cinema puro: le facciate delle antiche botteghe allineate sull’argine in primo piano e, fuori fuoco sullo sfondo, un mosaico di casette adagiate sul pendio che va su veloce, sino al castello-volante prima del cielo blu cobalto.

Bosa vuole essere percorsa e scoperta metro dopo metro, vuole mostrarti tutti i suoi particolari: dalle biciclette appese al balcone tra le nasse, alle vecchie latte dipinte a mo’ di portafiori, con tanto di vessillo regionale; dal vecchio orologio monumentale del Corso, alle insegne dei vecchi mestieri; fino ad arrivare, con il fiato un po’ corto, alla rocca, mimetizzata fra gli ulivi e le enormi pale di fichi d’india secolari.

L’ora del pranzo si manifesta nella sua sacralità in una trattoria nascosta in un viottolo che riporta a Bosa Marina. Ti fermi perché c’è la verandina in legno con ombreggiatura fresca di fronda, la tovaglia che profuma di bucato, il vinello frizzante con i riflessi dorati in controluce e la fritturina croccante di calamari o paranza. Intorno, un silenzio surreale. Che meraviglia.

Il ritorno a casa ha una dimensione areonautica: con il fruscio del vento sulla carlinga e il sole calante dritto in faccia, sembra più di essere in un Fokker della Prima Guerra Mondiale che in un automobile. E via, in balia delle correnti, con la cuffia in cuoio e gli occhialoni, sui sali-scendi della linea di costa ad aggiustare la rotta con la cloche, sino alla planata ad Alghero.

, ,
Articolo precedente
Ritorno a Castelsardo
Articolo successivo
Iridescenti membrane

Post correlati

Nora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.