Verso la pioggia: #8 Barrea

Ci dileguiamo un po’ alla chetichella dal Molise, perché: un traliccio posto davanti alla facciata di una pieve romanica, una notte insonne per una camera da letto modello altoforno, una colazione in un desolante bar in un desolato paese e l’acqua iper-clorata alla fontanella, una puntina ci recano noia. E quindi via, a solcare a ritroso il confine abruzzese. Lo facciamo imboccando la Statale 158, che vola letteralmente su, per gioiosi tornantoni; costeggia abetaie impenetrabili e piomba a capofitto su Alfedena, immersa in un traffico da kasbah. Traversiamo il corso, veloci in fuga e via su, per le ultime curve aeree prima di Barrea, dove i cumuli ci aspettavano impietosi. Pioggia battente e poi luce sfavillante ad alto contrasto. Barrea si lascia fotografare in modo delizioso, con le sue pietre bianche ed il suo castello in posizione straordinaria a dominar la valle ed il lago. Oramai abbiamo la falange ben allenata allo scatto rapido e proficuo e in men di un paio d’ore siamo già lanciati sulla strada, dentro una pioggia battente da monsone tropicale…

[put_wpgm id=4]
, ,
Articolo precedente
Un vento strano: #7 Capracotta
Articolo successivo
Magia sul lago: #9 Scanno

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.