Verso l’altopiano: #3 Pettorano sul Gizio

Lasciamo la piana, per affrontare le lunghe sequenza di curve che ci porteranno a scavalcare la Maiella. Complice una birretta notturna, in una piazzetta dal sapore settecentesco, modifichiamo la rotta e strambiamo verso Pettorano sul Gizio; e così la passeggiata tra vicoli bui della notte prima si trasforma in una corsa fotografica all’ultimo contrasto, tra colori abbaglianti e piazze volanti in affaccio di forra. La festa della sera precedente lascia qualche residuo qua e là, sedie di plastica addossate a monumenti, e un vago sentore di atmosfera alcolica. Intorno ora solo pochi abitanti e qualche gatto che si stiracchia… Toccata e fuga, per correre verso le montagne.

[put_wpgm id=9]
, ,
Articolo precedente
Il volo sulla piana: #2 Pacentro
Articolo successivo
Gentilezze al rifugio: #4 Fonte della Noce

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.