Un viaggio lungo un giorno

Una fuga dai primi caldi della città che si trasforma in un lento peregrinare, un ondeggiare malinconico su quelle curve concatenate, quei tornanti arditi che tanto ricordano il Pordoi. Ci si mette anche il paretone nord del Terminillo a frugare nella memoria e a riportare visioni lunghe come ombre della sera. È stato un viaggio lungo un giorno, tra le termiche leggere dei crinali assolati, una lontana vista dei Monti della Laga e un gruzzolo di risate piene.

,
Articolo precedente
La sfiorita di Castelluccio
Articolo successivo
Leonessa

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu