Un vento strano: #7 Capracotta

Cambio di rotta. Non ci lasciamo sedurre da Bagnoli del Trigno, invero prendiamo ad Ovest e seguiamo sole e cumuli scuri; prossima meta Capracotta, segnalataci da alcuni avventori incontrati per la via. E la strada ci sorprende; si dispiega in curve dolci ed aeree, affiancate da distese di vento e pale eoliche; un vento strano ed una palpabile tensione elettrica ci sospingono veloci. Veniamo sorpresi dalla furia degli elementi mentre entriamo a Capracotta; una pioggia monsonica ed una corsa affrettata dentro il bar del corso, ad attendere che spiova dietro ad una birra e ad una chiacchiera.
Poco dopo, lo scontro titanico delle termiche del pomeriggio ci regala un cielo da atlante, luce brillante e sfondi color piombo. Fotografare diventa una lezione di pittura; il paese ora ci appare solitario e ancora impaurito dalla pioggia, con le sue case ordinate e illuminate, su paesaggi sferzati dalla pioggia in lontananza. Portiamo con noi immagini belle e la piacevole sensazione di ore che scorrono tranquille. La strada ci attende, giù verso Isernia…

(Qui le foto di Vincenzo)

[put_wpgm id=5]
, ,
Articolo precedente
Sole e Déjà vu: #6 Pietrabbondante
Articolo successivo
Verso la pioggia: #8 Barrea

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.