Ultime tracce a Nord Ovest

Duemila anni e sono ancora in piedi. Archi, frontoni, canale a venti metri di altezza. Antiche vestigia romane, conservate male purtroppo. Nessun segno di manutenzione; tracce di restauro, forse, ma non recenti. Sono gli acquedotti che portavano l’acqua nell’antica Roma dalle sogenti dell’Aniene, distanti trenta chilometri. Opere ingegneristiche e architettoniche quasi anacronistiche, se pensate progettate e costruite con la strumentazione del tempo. Niente laser, nessun satellite o GPS; solo livelle a bolla d’acqua, pali, fili e tanta trigonometria. Meraviglioso.

Te li ritrovi all’improvviso davanti mentre vaghi per misteriosi terreni nelle forre a nordovest di Gallicano. Sono imponenti. Sotto ci scorrono corsi d’acqua naturali; si narra di cascate risalendo il torrente verso est.

Ponte Lupo ti riporta piu l’idea di una fortificazione per quanto è massiccio e poderoso. Altri hanno linee più esili e snelle nella loro corsa aerea. Li fotografo così, scintillanti nei raggi argentei di un sole primaverile dalla luce perfetta.

E la storia spesso brilla di mistero.

, , ,
Articolo precedente
FROMITALY
Articolo successivo
Poli e ciò che rimane del tempo

Post correlati

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu