Ultime tracce a Nord Ovest

Duemila anni e sono ancora in piedi. Archi, frontoni, canale a venti metri di altezza. Antiche vestigia romane, conservate male purtroppo. Nessun segno di manutenzione; tracce di restauro, forse, ma non recenti. Sono gli acquedotti che portavano l’acqua nell’antica Roma dalle sogenti dell’Aniene, distanti trenta chilometri. Opere ingegneristiche e architettoniche quasi anacronistiche, se pensate progettate e costruite con la strumentazione del tempo. Niente laser, nessun satellite o GPS; solo livelle a bolla d’acqua, pali, fili e tanta trigonometria. Meraviglioso.

Te li ritrovi all’improvviso davanti mentre vaghi per misteriosi terreni nelle forre a nordovest di Gallicano. Sono imponenti. Sotto ci scorrono corsi d’acqua naturali; si narra di cascate risalendo il torrente verso est.

Ponte Lupo ti riporta piu l’idea di una fortificazione per quanto è massiccio e poderoso. Altri hanno linee più esili e snelle nella loro corsa aerea. Li fotografo così, scintillanti nei raggi argentei di un sole primaverile dalla luce perfetta.

E la storia spesso brilla di mistero.

, , ,
Articolo precedente
Gallicano nel Lazio
Articolo successivo
Poli e ciò che rimane del tempo

Post correlati

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.