Siamo tutti matti…

cover

All’interno del progetto FUTUROMA, sviluppato in occasione del centenario della pubblicazione del Manifesto Futurista, il comune di Roma, in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica Argentina, ha allestito una mostra per ricordare due importanti artisti del periodo: Enzo Benedetto ed Emilio Pettoruti, che nel corso della loro carriera artistica hanno tenuto un lungo scambio epistolare ed un continuo confronto personale sui temi della corrente culturale del Futurismo.

La mostra è stata ospitata in una delle sale dell’Istituto Italo-Latino Americano, che ha sede qui a Roma. L’istituto stesso ne ha curato tutti gli aspetti organizzativi.

Ho avuto l’onore ed il piacere di sviluppare il concetto grafico per il catalogo della mostra, affiancato durante il processo creativo da Alejandro Gómez de Tuddo. Insieme abbiamo realizzato il servizio fotografico alle opere presenti nella mostra e raffigurate nel catalogo.

Il titolo di questo articolo riprende i versi di una delle poesie pubblicate sul primo numero della rivista Futurismo Oggi, del 1969.

L’intero flusso creativo è stato sviluppato per mezzo della Creative Suite 3 di Adobe, dal ritocco delle immagini digitali con Photoshop, alla loro impaginazione con InDesign. Il catalogo è stato progettato in modo speculare: può essere sfogliato in entrambe i versi e ciascun lato illustra la storia e le opere di uno dei due artisti, rispettivamente Enzo Benedetto ed Emilio Pettoruti. Una versione pdf del catalogo, fruibile solo per la visualizzazione, ma non per la stampa è presente al seguente link.

Catalogo Futurismo (4.3 Mb)

, , ,
Articolo precedente
A tutto Cadore
Articolo successivo
Scurcola Marsicana: pioggia immeritata, giudizio universale, cavalli e arcobaleni.

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu