Rondini a Tarquinia

La luce di Tarquinia la ricordo bene. Mi ha accompagnato lungo diverse stagioni, ognuna scandita da un suo ritmo peculiare. Torno in questi luoghi ed è ancora tutto diverso, adesso mi appare tutto meno caratterizzato. Forse ora gli occhi cercano di più e si soffermano sui particolari. Ad accompagnarmi, i garriti di infinite rondini.
Luce nuova, il corso assolato, le pietre ocra rossiccio. Quel terrazzamento su colline a perdita d’occhio. Ci giocano dietro nuvole fluorescenti e sfilacciate e rigonfie di pioggia. Ed un numero imprecisato di vicoli e case nuove ed angoli inesplorati. Cortili nascosti e pievi a picco sulla valle. Sotto, il Marta fa il suo corso sinuoso e connette mare a terra nella consecutio di colline lisce come velluto.

Sta lì Tarquinia, come una regina addormentata sotto il sole di un estate da lì a venire. Con le sue alte e squadrate torri in segno di sfarzo, o difesa. E si lascia accarezzare, docile. E semplice si lascia fotografare, con quella sua aria profumata da signora di Tuscia che sempre ho annusato passando da queste parti.

La ricordo così. E così l’ho vista, in uno sfrenato cromatismo. In un ricordo al sole che pareva lungo anni. Perfetta fusione di stagioni vecchie e nuove.

, , ,
Articolo precedente
Pereto e le sue genti
Articolo successivo
In quelle ombre, di vento e nuvole…

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.