A Pattada ci vai per i coltelli, ovvio. Ma da Cala Gonone la strada te la devi sudare tutta. Rullio, decollo secco a 45 gradi verso il costone calcareo della montagna; virate brusche su tornanti impossibili scavati nella roccia. Sembra di stare nel Caucaso, ma potrebbero fare la loro comparsa anche alcuni Pellerossa. Intanto il mare è già un lontano ricordo, giù, a piombo per duecento metri, fino all’improvvisa comparsa di una nera galleria, un tunnel spazio-tempo che separa est e ovest.
Dentro, la salita diventa discesa e in un attimo siamo a Dorgali; altra aria, altri alberi, altre luci. Poi iniziano i toponimi da capogiro, in un susseguirsi di curve senza sosta: Orune, Bitti, Osidda, Buddusò… Pattada.

Succede che all’arrivo il paese è deserto. Qualche macchina parcheggiata a casaccio, tra architetture a spigolo vivo e facciate colorate. Accostamenti arditi di elementi vecchi e nuovi: pensiline che frugano nello stile ventennio, balconcini a tolda di transatlantico, parapetti a colonnette. L’unico elemento traditore della presenza umana è il vocío che si intrufola tra le feritoie delle persiane ed un acciottolio di piatti qua e là. All’improvviso, tra porte e finestre casuali, compare la scritta “Museo del coltello”. Ci siamo: unici visitatori in un luogo intarsiato nella storia, nelle tradizioni e nella cultura della Sardegna. La signora alla biglietteria ci fa una breve introduzione, poi ci lascia alla visita. Nelle teche sono incastonati pezzi unici di manifattura sapiente; lavorazioni creative che non lasciano adito a dubbi. La pattadese è lì, è solo lì; di valore inestimabile. Ci viene permesso di curiosare nel laboratorio dove tutto viene immaginato e forgiato; l’antro segreto di un demiurgo: bilancini, torni, punteruoli di tutte le dimensioni, martelletti, lame sgrossate e solo abbozzate, corni di bue e muflone, crogioli, pinze, presse, ganasce e cannelli di saldatura. L’arte ha tutti i suoi strumenti antichi e sono tutti lì, in un disordinato ordine.

Usciamo come dalle pagine di una enciclopedia di arti e mestieri, per puntare la prua della macchina giù verso Alghero, sigillo e degna conclusione del Giro di Sardegna per mare, vento, storia ed immagini.

, ,
Articolo precedente
Nora
Articolo successivo
Ritorno a Castelsardo

Post correlati

Nora

Bosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.