Succede che conosco Luca Bellincioni per una passione che ci accomuna, la fotografia, imbattendomi nel blog da lui gestito, Il Lazio dei misteri. E succede che mi da appuntamento in un sabato dal cielo variegato, per andare alla scoperta della Valle dei Calanchi a Nordest di Bagnoregio. Io, che pensavo di vedere il panorama dei calanchi da qualche bastione panoramico, mi ci ritrovo invero dentro, pedule immerse nelle terre argillose e friabili come biscotti. È così che ho vissuto un overland personale, tra pascoli di mucche maremmane dalle corna esagerate e cinghiali che sgambettano nella boscaglia. Un pomeriggio di trekking avventuroso tra le rughe della Terra, tra luci serali che cadono dentro i fossi e vellutate tonalità ocra.

Una riga in più nella lista “cose da rifare”. 

, ,
Articolo precedente
Poli e ciò che rimane del tempo
Articolo successivo
Pereto e le sue genti

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.