Montagne di una vita (Monte Vettore – 2476mt)

Ci sono volte che la montagna ti chiama, ti cresce dentro. Senti la sua forza elastica, che ti fa tornare. Se fosse per la fatica sostenuta, il sudore versato e l’impegno profuso, nessuno tornerebbe mai; ma il cervello analizza, sintetizza, sottrae, dimentica. E allora in montagna si torna sempre, per fare di nuovo il pieno, o svuotarsi completamente. Almeno chi nella vita l’ha vissuta e compresa, nei suoi lineari aspetti e nelle complesse forme interiori, fatte di limite, superamento, sfida, vittoria e sconfitta. E lei ti ripaga sempre, se la sai sedurre. Ti getta lì, davanti ad occhi appena un po’ più aperti, aria e sole, orizzonti tenui, morbidi avvallamenti ed aspre e verticali pareti, elementi fondamentali, forze dominanti. Basta saper guardare.

Ci sono tracce e sentieri che nella vita ti hanno segnato. Ci sono percorsi solitari, affrontati in passato per capire, o sapersi leggere meglio. Ci sono ricordi come ancore, duri come pietra, che sui sentieri ti inseguono; e ci sono amici che al tempo stesso ti seguono, masticano la tua stessa fatica. Ed in questo incedere a volte duro, quasi incomprensibile, non ho scorto l’ombra di una paura o di una sofferenza, ma solo sorrisi e vellutata euforia. E allora forse so di aver fatto la scelta giusta, di aver costruito qualcosa per gli altri. E questo mi basta. Tutto il resto siamo noi: Luca ed Adriana, Alessandro e Stefania, Valerio, Giovanna, e poi io, burattinaio di parole, per dirla alla Guccini; il resto sono occhiate, immagini, momenti a tempo zero, che dalla parte fanno il tutto, riempiono e imprimono, come su indelebile pellicola, tracce di inusitata spensieratezza…

Gianluca

, ,
Articolo precedente
MAXXI … X-I-AM
Articolo successivo
Rendezvous

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.