Lo spirito dei faggi: #11 Forca d’Acero

Lasciamo queste terre e queste genti, mentre le nebbie velano e svelano paesi, colline, montagne. Cerchiamo oramai le strade più ardite, le più tortuose; ci infiliamo in anfratti, boschi, spettacolari faggete odorose e umide. Scavalchiamo letteralmente l’Abruzzo e lo lasciamo dietro le spalle come un ricordo solare e spensierato. Abbiamo assaggiato il nostro tempo in giornate lunghe e rilassanti, incontrato luoghi pieni di storia e meravigliose genti. Abbiamo fotografato una Italia nascosta e silenziosa, che naviga e ondeggia, come le immense greggi appenniniche, con le vele un po’ lasche ed un filo di brezza. Un viaggio semplicemente straordinario.
Ore 12.30; nei pressi del Rifugio Duca d’Aosta una poiana plana in volteggio sopra il tetto della macchina e ci osserva, compiendo alcune spirali nelle termiche. Poi si dilegua furtiva. È l’Abruzzo che ci saluta…

[put_wpgm id=2]
, ,
Articolo precedente
Storia in bianco nero: #10 Frattura
Articolo successivo
Spingitori di Cavalieri… a San Polo

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.