Leonessa la avevi già assaggiata, ne avevi respirato i profumi di coniglio in salmì e di pecorino che esalano dalle porte socchiuse delle trattorie. Tornarci però ha fatto bene; ha riportato i colori al posto giusto. Bella Leonessa: con quella porta bianca, accecante e maestosa, che quasi intimorisce; con cortiletti interni che si aprono improvvisi quando meno te li aspetti. E la Piazza grande, in odore di Trentino, con quella chiesa a chiudere lo spigolo di fuga, architettonicamente sublime. Belli i suoi vicoli, con i portali antichi e le facciate color pastello; i balconcini stile rococò che affacciano garbati sulle vedute e un clima da viaggiatore solitario rotto solo da qualche vociare di comare e dalle grida delle rondini. Leonessa baluardo e avamposto della stretta Valle a Nord del Terminillo. Per entrare devi attraversarne il profilo e le sue chiese; sei obbligato a guardarla e ti attira e ti affascina, ammaliante e leggera. E allora la scopri, fotografando leggero ogni sua ruga.

, ,
Articolo precedente
Un viaggio lungo un giorno
Articolo successivo
Di pietra, ferro e tegole: #1 Roccacasale

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.