La sfiorita di Castelluccio

E niente… Succede che c’hai pure casa close to Amatrice (come dicono gli inglesi), ma a ‘sta celebre fiorita della Piana non ci sei mai stato. E succede che da giorni addietro chi ti faceva una capa tanta e chi articoli postati su ogni social scibile da umane genti… Che fai? Non Accosti? (Cit.)

E quindi?
Quindi organizzi lo torpedone pieno pieno di amichetti, ti offri alla guida e ti lanci in questa macinata di chilometri: duecento ad anna’, duecento a torna’, per andare a fare quattro scatti in padella a fiorellini misti e spighette arzille. Strada misto stretto, che manco in moto sportiva te ce divertivi così tanto; Mazzano – Otricoli – Terni – Spoleto – Sant’Anatolia di Narco – Cerreto di Spoleto – Norcia. Pranzo al sacco, come nella migliore tradizione. Tutti gagliardi, tutti tosti, e giù tra le curve a chiacchiere su focale e diaframma, tempo di scatto e trucchi assortiti. Il tempo di arrivare al Rifugio Perugia e accorgersi che c’è il resto del mondo e poi scavallare al passo nella Piana, che realizziamo che tutte quelle fantasie fotografiche erano state scritte per altri e non per noi. Fiori pochi, caldo tanto e blande tonalità pastello.

E quindi?
Quindi tutti sul praticello all’ombra dei faggi, con la borsetta picnic e il telo che fa tanto domenica gita fuori porta, a spizzicare un po’ veggy, ma anche no… Finché il caldo molla un attimo e caliamo stile Unni nel centro di Pian Grande. Baldanzosi, direi, e giocosi oltremodo, tra un surfin’ in the balla e qualche gag.
Bella però sempre la Piana, che ti ci perdi dentro e annulli il tempo con facilità, tra un campo di lenticchie e spighe controluce che pare un prato di vetro color bottiglia. Geometrie delicate, il profilo austero del Vettore sempre lì che ti sovrasta. Controluce, controsole, contro campo e contro tutto. In lontananza volatori di parapendio e nuvole ad aerografo in posizione perfetta. Castelluccio è il solito bazaar caotico, crocevia di moto-nauti e famigliole mega-tourist, un po’ Italia, un po’ resto del mondo… Troviamo riparo defilando in alto tra i vicoli del paese, tra ombrelloni e panni stesi e la dolce compagnia di una birretta artigianale.
Il sole che scende regala luce radente che è gioia ottica e noi ci disperdiamo, ognuno con i suoi gesti e i suoi pensieri, assorti dietro i clic delle reflex e ci portiamo a casa luce e colori, ricordi e risate piene di umore che fanno da oasi in giorni scuri.

E quindi tutto bello, tutto intenso e tante curve, ma ne valeva la pena e tutto il nostro tempo. E quella cena morbida, in posti in cui eri già stato e che colori di nuovo. Quei momenti da lungo la strada che manco Kerouac… Quel noi che ci riesce tanto bene. E grazie a voi che eravate lì con i vostri occhi.
g

P.S. È tutto un Fuji Fuji

, , ,
Articolo precedente
Ritorno a Nepi
Articolo successivo
Un viaggio lungo un giorno

Post correlati

1 Commento. Nuovo commento

  • Caro Gianluchino, queste di Castelluccio non le avevo ancora viste, mi…hanno piaciuto assai. Molto belle indeed. Bravo! Una “lavorazione” molto interessante. Il tuo amico danilo

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu