In quelle ombre, di vento e nuvole…

Rocca. Oramai la chiamo così. Ho tolto il cognome “Calascio”, perché oramai è un’amica. Compare misteriosa e affascinante nelle epoche della mia vita, e ogni volta la scenografia cambia; la scena da girare non è mai la stessa. Un tempo con nuvole basse in fondovalle e colline arcipelago; un tempo di neve e luce bluastra di ombre invernali. Poi ancora di nebbia e vento polare, con modella in set fotografico. Questa ultima volta di venti impetuosi in quota, nubi lenticolari e contrasti frenetici.

Ce la godiamo così, nell’orda turistica di un giorno di festa nazionale. Festosa, piena, austera, sorridente e leggera. Rocca oggi è tutto. È un Abruzzo che non possiede confini, che rimanda alla storia e alla leggenda di orde barbare e di guerre spietate. Noi troviamo angoli di inaudita serenità alla Locanda della Rocca, cullati nei sapori preparati da Susanna e Paolo. Sempre loro, sempre amabili ospiti.

Poi letteralmente rincorriamo il tempo, ridendo tra noi mentre il rumore degli otturatori delle nostre reflex riempie il vento e lo spazio.

Oggi Rocca era proprio bella. Fotografarla è stata gioia per l’anima.

, , ,
Articolo precedente
Rondini a Tarquinia
Articolo successivo
Mazzano Romano

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.