Il volo sulla piana: #2 Pacentro

Luce lunga e termica serale che ci spingono verso l’alto. Pacentro è depositato come un velo a cavallo di una piega delle propaggini della Maiella. Si prende docile tutti i raggi del tramonto. La vista delle case addossate fitte ti sfarfalla negli occhi tra i tornanti che lo raggiungono, come in una vecchia pellicola di cinema. Saliamo i suoi vicoli, mentre nel paese monta l’euforia per la festosa caccia al tesoro; i bambini corrono verso la piazza centrale schiamazzando. C’è un gran profuno di allegria intorno. Saliamo al castello, mentre il sole compie il suo corso e ci regala controluce azzardati. Lo conquistiamo fotograficamente da una curva piena di sole che domina la valle. I tetti solo lì, e pare di volarci sopra. Poi scendiamo nella piazza centrale, dove la festa ha preso piede e domina vista e udito. Ad un tavolino di vimini, in un angolo nascosto, ci godiamo una birra fresca, mentre gli ultimi raggi colorano ogni pietra e spigolo. Quel momento unico in cui frughi dentro la memoria digitale della reflex per vedere gli scatti della giornata e sorridere.
(Qui le foto di Vincenzo)

[put_wpgm id=10]
, ,
Articolo precedente
Di pietra, ferro e tegole: #1 Roccacasale
Articolo successivo
Verso l’altopiano: #3 Pettorano sul Gizio

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.