I segreti della Tuscia

L’articolo avrebbe dovuto intitolarsi: “Per un pugno di ISO”; vi si narrano vieppiù vicende epiche, da epopea fotografica al dagherrotipo.
Ciononpertanto, il titolo è mutato per lubrica ratione: non era comprensibile ai più, per via di quel ISO, acronimo bastardo, oltre a fuorviare l’esimio motore di ricerca, in riguardo al mancante “Tuscia”, loco nel quale si è svolta la suddetta epopea.
La coincidenza astrale è rimarchevole: io, Danilo e Vincenzo siamo contemporaneamente liberi da impegni. E’ bastato un sussurro, flebile voce aspersa nell’aere, che i tre eran già in viaggio, menanti seco corpi macchina dalle dimensioni e fattezze più disparate.

Io e Danilo con D700 al seguito ed annesse ottiche dal sovrumano peso; Vincenzo, sbeffeggiante, con leggerissima e minuscola Nikon V1 nuova di zecca, sfoggiata con disinvoltura appesa al collo in segno di sfida. Durante il viaggio è bandita alcuna conversazione che non includa nello svolgimento parole come: sensore, diaframma, filtro, CaptureNX, annessi e connessi sinonimi e contrari.
L’arrivo alle porte di Tarquinia, zona “Strada degli Archi”, ricorda tanto l’atmosfera dello sbarco in Normandia, con movenze da paracadutisti incursori: freno a mano, motore ancora acceso, apertura porta a sbrago ed uscita in catapulta con corpo macchina già acceso al collo, puntamento e scatto. Va avanti così per un paio d’ore, raminghi nei campi arati, abbandonati ciascun ad una serrata introspezione compositiva.
L’unica cosa che riesce a riunirci e ricucire un dialogo oramai perso è un piatto di fettuccine all’Osteria dei Bugiardi, davanti ad un televisore del ’71 narrante, in fosche immagini, il mito di Giasone e del Vello d’Oro in chiave tragicamente americana. Abbattuti psicologicamente dalle inquadrature e dai figuranti della eroica fiction, veniamo rinfrancati dal conto, recante commovente cifra di trenta euri diviso tre… Non si vedeva da remote ere.
Nel pomeriggio luce radente, campi arati a perdifiato, trattori e casolari sfondati ed un sole che termina l’arco in un naufragio di sfumature da deserto afgano. Roba da crampi al dito. Percorriamo, a tratti e balzelli, la strada sterrata che mena a Frittole, senza però raggiungere il loco e cambiare epoca. Eseguiamo la manovra di ritorno. Ci è andata bene.

Buon anno
g

, ,
Articolo precedente
Spirito di un autunno passato
Articolo successivo
Crepuscolo

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.