All’abbazia arriviamo un po’ provati dai rigurgiti di frittura. Giusto il tempo di dedicargli alcune inquadrature e di tentare un’alzata di drone, nascosti dentro un campo di ulivi, che una pioggerella molto british ci rimette sulla strada di casa, satolli e soddisfatti.

, , ,
Articolo precedente
Trabbucodonosor
Articolo successivo
Campo Imperituro

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.