Di pietra, ferro e tegole: #1 Roccacasale

Un viaggio cercato da tempo. Un’idea del mio amico Vincenzo. Una immersione fotografica tra le curve e le pieghe di Abruzzo e Molise, rimanendo sempre un po’ di confine, rovistando tra cultura popolare, pietre, sassi e tegole di paesi e castelli posti in posizioni surreali, quasi a sfidare la gravità.
E il viaggio ce lo siamo regalato questa estate, nei primi assolati e caldi giorni d’agosto. Una pianificazione perfetta, fatta in un pomeriggio a tavolino, tra temporale e vento di Roma.
Calata veloce e secca, lungo una deserta A24, sino a Sulmona. Ospiti di amici presso la decadente ma accogliente Villa Orsini. Una serata perfetta, tra arrosticini e vino, immersi nella quiete profumata della abetaia a mezza costa nei pressi di Introdacqua. Nel pomeriggio, sino alla luce dorata del tramonto, troviamo il tempo di visitare Roccacasale e Pacentro.
Il viaggio inizia da qui…

[put_wpgm id=11]
, ,
Articolo precedente
Leonessa
Articolo successivo
Il volo sulla piana: #2 Pacentro

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.