Dal safari fotografico al safari… gastronomico

Il gruppo “Uscite Fotografiche” si riunisce, dopo soli due anni dalla sortita in un casale toscano. Si va tutti a Villetta Barrea, invaghiti dalle numerose immagini trovate nei canali Instagram che ritraevano cervi in pose quasi da imbalsamatura. “Rubiamo” il percorso trekking sfruculiando in rete tra le proposte di associazioni di trekking locali (una ottima pratica se non ti va di spendere) e, GPS alla mano si parte. Già dai primi passi sul sentiero si era comunque capito che il safari vero lo avremo fatto con le gambe sotto ad un tavolo. Tutto era iniziato un’ora prima, con uno show da Festival dell’affettato, proposto da Nunzio, gentile oste della locanda “Il Transumante” il quale, catturando al volo alcune espressioni della nostra mimica facciale, aveva intuito la fama di serial griller che ci contraddistingue, sfoderando taglieri di prodotti tipici locali come se non ci fosse un domani. Pertanto era più facile trovare i cervi in tavola che sui sentieri, dove peraltro non si sono avvistati.

Come premio di consolazione rimane un simpatico esemplare di volpe, comodamente e impavidamente sdraiata sulla strada del Parco, nei pressi di Pescasseroli.

, , ,
Articolo precedente
Trieste l’Asburgica
Articolo successivo
Isola del Liri

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu