01 11 10 – Impulsi dall’orizzonte degli eventi

Ho aperto una vecchia cartella e la pellicola ha ripreso luce. Ma invece di bruciarsi ha saturato i suoi colori, ha riscritto una storia di parole che non sapevano uscire, intrise di pioggia emotiva. Ed io che non volevo raccontarle; forse incapace di farlo. E paura di sbagliare il tempo ed il giro. E allora tolgo tutto; e restano le dediche. Perché ora non so; ma ho capito che basta un niente per ricordare, basta un impulso che emerga dalla radiazione di fondo, dall’indifferenza.Dedicato a L’Aquila.

Dedicato a Santo Stefano di Sessanio. A Geppetto, Andrea, Elisa che mi hanno accolto.
Dedicato a Castel del Monte.
Dedicato a Calascio.
Alla storia scivolata fra queste mura.
Ai comignoli pieni di fumo.
A quelle mille tremolanti candele accese.
Ai giardinieri di Dio, rimasti a bordo dell’arca.

6 aprile 2009, ore 3.32. Un filo di luna nel neronotte…

 

 

 

 

, ,
Articolo precedente
Alta Via numero 2: vietato calpestare i sogni
Articolo successivo
Prima o poi sarà inverno

Post correlati

Nessun risultato trovato.

1 Commento. Nuovo commento

  • Che belle sensazioni!. Respiro il sapore di una giornata indimenticabile che riesci a trasmettere attraverso queste foto. belle! …Con un piccolo particolare: sembra, dalle immagini, che ci siamo scambiati le foto e non si capisce più quali sono le tue e quali le mie. capirai quando vedrai le mie!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.