01 11 10 – Impulsi dall’orizzonte degli eventi

Ho aperto una vecchia cartella e la pellicola ha ripreso luce. Ma invece di bruciarsi ha saturato i suoi colori, ha riscritto una storia di parole che non sapevano uscire, intrise di pioggia emotiva. Ed io che non volevo raccontarle; forse incapace di farlo. E paura di sbagliare il tempo ed il giro. E allora tolgo tutto; e restano le dediche. Perché ora non so; ma ho capito che basta un niente per ricordare, basta un impulso che emerga dalla radiazione di fondo, dall’indifferenza.Dedicato a L’Aquila.

Dedicato a Santo Stefano di Sessanio. A Geppetto, Andrea, Elisa che mi hanno accolto.
Dedicato a Castel del Monte.
Dedicato a Calascio.
Alla storia scivolata fra queste mura.
Ai comignoli pieni di fumo.
A quelle mille tremolanti candele accese.
Ai giardinieri di Dio, rimasti a bordo dell’arca.

6 aprile 2009, ore 3.32. Un filo di luna nel neronotte…

 

 

 

 

, ,
Articolo precedente
Alta Via numero 2: vietato calpestare i sogni
Articolo successivo
Prima o poi sarà inverno

Post correlati

No results found

1 Commento. Nuovo commento

  • Che belle sensazioni!. Respiro il sapore di una giornata indimenticabile che riesci a trasmettere attraverso queste foto. belle! …Con un piccolo particolare: sembra, dalle immagini, che ci siamo scambiati le foto e non si capisce più quali sono le tue e quali le mie. capirai quando vedrai le mie!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu